Banner Principale barra superiore ANFFAS Associazione Nazionale Famiglie di Persone con DisabilitÓ Intellettiva e/o Relazionale
Home » Notizie » Archivio News
 

Area Riservata
 
 
 
Ricerca
 
Calendario Eventi ANFFAS
Passa al mese precedente Gennaio 2018 Passa al mese successivo
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
31123456
78910111213
14151617181920
21
22
Evento ANFFAS
232425
26
Evento ANFFAS
27
28293031123

Valid HTML 4.01!

"L'EUROPA CHE VOGLIAMO"






Fonte www.redattoresociale.it - L'Europa intraprenda con determinazione e coraggio “la strada verso un futuro sostenibile, che realizzi i diritti di tutti”: questo l'appello che Edf, il Forum europeo per la disabilità, lancia in occasione del 60° anniversario dell'Unione europea. Ricorrenza celebrata il 25 marzo, quando i capi di Stato, i capi di governo e i presidenti delle istituzioni europee si sono riuniti a Roma, dove 60 anni fa fu firmato il trattato fondativo dell'Unione.

Un'occasione, questa, per ricordare il passato e le radici, ma anche per guardare al futuro dell'Europa, elaborando proposte e definendo obiettivi, nella direzione indicata nel Libro bianco sul futuro dell'Europa, presentato dalla Commissione lo scorso 1 marzo.

Proprio in occasione di questo importante appuntamento europeo, Edf ha lanciato il suo appello ai leader delle istituzioni europee e agli Stati membri, affinché rilancino e rafforzino il proprio impegno in tre direzioni fondamentali: primo, promuovere, proteggere e garantire i diritti civili, politici, sociali, culturali ed economici per tutti; secondo, favorire la partecipazione democratica della società civile nei processi decisionali; terzo, considerare le persone con disabilità e le loro famiglie come parte integrante di un'Europa sostenibile e in crescita.

Questi ed altri obiettivi sono stati definiti e declinati in un appello congiunto che Edf e altre 230 organizzazioni della società civile hanno elaborato insieme e rivolto ai leader europei. Ecco, in sintesi, le 8 richieste principali:

1.l'Europa promuova e protegga i diritti civili, politici, sociali, economici e culturali di tutti,sostenendoli anche oltre i propri confini

2.La consegna dell'Agenda 2013 per lo sviluppo sostenibile, ponendo gli Obiettivi di sviluppo sostenibile e i principi che ne sono alla base al centro delle politiche europee e nazionali

3.La piena attuazione dell'accordo di Parigi, con il miglioramento dell'efficienza energetica e la transizione sostenibile verso l'energia pulita e rinnovabile a prezzi accessibili

4.Il rafforzamento della nostra democrazia rappresentativa e partecipativa, con spazio dedicato alla partecipazione dei cittadini anche al di là degli appuntamenti elettorali

5.Il rafforzamento della formazione come responsabilità pubblica: una formazione permanentemente e per tutti, che sviluppi la cittadinanza attiva, il pensiero critico, l'inclusione sociale e la consapevolezza dello sviluppo sostenibile e dei diritti umani

6.Una transizione per i lavoratori e le regioni industriali dal modello economico attuale verso un'economia moderna, ecologica e socialmente giusta, in cui il capitale umano e naturale sia riconosciuto e valorizzato

7.Un modello sociale europeo, che assicuri una protezione completa a tutti i lavoratori, a tutti i consumatori e tutte le persone che vivono nell'Ue; un modello che riduca disparità economica, la povertà e l'esclusione sociale

8.Un'Unione europea con un forte pilastro dei diritti sociali, che assicuri occupazione di qualità ed equa retribuzione e affronti le disuguaglianze di genere, la discriminazione per razza, orientamento sessuale, identità di genere, status socio-economico, età., disabilità o altro.

Qui il testo completo dell'appello (testo in lingua inglese)

28 marzo 2017


Visualizza Archivio News  » Archivio Varie


ANFFAS
 top

      Via Casilina, 3/T 00182 Roma       Tel. 06 3212391 Fax 063212383       e-mail: nazionale@anffas.net       codice fiscale: 80035790585       partita iva: 05812451002
 
[Infomazioni sulla privacy]     [Credits]