Con l’entrata in vigore della riforma del Terzo Settore l’intero mondo del no profit, precedentemente regolato da un variegato coacervo di norme si dovrà attrezzare non solo per adeguarsi alle nuove previsioni normative ma anche per saperne cogliere le opportunità di sviluppo e potenziamento della propria capacità di operare in rete.

Tra le aree prioritarie d’intervento di cui all’avviso n.1/17, emanato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’art.72 del D. Lgs. 3 luglio 2017 n.117, è indicato alla lettera K  “lo sviluppo delle reti associative del terzo Settore ed il rafforzamento della loro capacity building funzionale all’implementazione dell’offerta dei servizi di supporto agli enti del Terzo settore”, pertanto Anffas, attraverso tale iniziativa progettuale intende fornire:

 - supporto alle strutture Associative Anffas e non solo nel percorso di trasformazione/ adeguamento delle pregresse forme giuridiche e gestionali alle nuove disposizioni di legge in materia, propedeutiche e necessarie per l’iscrizione nell’istituendo registro unico del Terzo Settore e per il mantenimento nel tempo di tali requisiti

 - supporto agli enti del terzo settore appartenenti alla rete Associativa Anffas nell’impostazione e gestione delle nuove e diversificate modalità di tenuta delle scritture contabili e redazione dei bilanci

 - supporto nell’impostazione e redazione del bilancio sociale nonché dell’identificazione degli elementi utili al fine della valutazione dell’impatto sociale delle attività svolte

 - supporto alla formazione delle lavoratrici, lavoratori e volontari che operano all’interno del Terzo Settore con particolare riferimento ai principi valoriali del Terzo Settore stesso e delle forme di partecipazione agli enti del terzo settore da parte di
quest’ultime espressamente previste dalla riforma stessa

 - supporto alla formazione degli associati che operano nell’ambito del c.d. associazionismo familiare con particolare riferimento ai principi valoriali del Terzo Settore stesso e delle forme di partecipazione agli enti del terzo settore da parte di questi ultimi rispetto a quanto previsto dalla riforma stessa

 - supporto alla predisposizione di sistemi di auto-controllo e monitoraggio delle attività svolte dagli enti Associati

 - supporto allo sviluppo, anche finalizzato all’implementazione dell’offerta di servizi ed incremento dei livelli occupazionali, attraverso l’utilizzo dei titoli di solidarietà degli enti del terzo settore ed altre forme di finanza tra i quali appunto i titoli di solidarietà stessi, utilizzo del social landing

Le informazioni sul piano finanziario sono disponibili cliccando qui

La scheda progettuale è disponibile cliccando qui